Perché i vegani sono sbagliati

miele gocciolante-da-cucchiaio

Prodotto di abuso?

Ho una conoscenza vegana. È un giovane mite, premuroso e generalmente piacevole. Pensa che l'apicoltura sia crudele e disumana. Mi dice che l'alimentazione al miele incoraggia il furto e l'abuso, la detenzione e lo sfruttamento degli insetti. "Dimmi di più", ho detto.

I vegani, mi ha detto il mio amico, sentono che se mangi il miele, danneggi l'ambiente e ferisci la tua salute. Penso che il mio amico e altri come lui facciano queste false affermazioni perché non sanno come viene fatto il miele né come vengono mantenute le api. Pensieri così ristretti danno ai vegetariani ragionevoli un brutto nome. Gran disinformazione affonda le sue radici in un'adesione quasi da setta al dogma creata dal venerato Donald Watson, fondatore del movimento vegano.

Godlike, Don Watson apre la strada

-alberi tagliati

Indifesi e morti

75 anni fa, Don Watson ha inventato la parola Vegano e ha costruito gran parte della filosofia che ne consegue. Il signor Watson era un uomo molto, molto cattivo. Se odiasse il regno vegetale, o semplicemente non lo sapesse, è in discussione. Ma ha selvaggiamente attaccato piante di ogni tipo. La sua professione stava insegnando la lavorazione del legno. Incoraggiò incalcolabili migliaia di giovani inglesi a distruggere alberi maestosi (molti di più di cento anni). Li ha ispirati a ridurre gli abitanti viventi della foresta, a togliere la loro corteccia, a strapparli ai loro cuori con attrezzi elettrici, a martellare i chiodi attraverso i loro corpi contaminati. Mostrò alla gente come trasformare splendidi olmi, querce e aceri in scaffali e grandi sedie su cui sedersi.

È come se Watson, il primo vegano, non avesse idea che le piante che incontrava fossero (vivevano) respirando monumenti alla diversità della natura. D'accordo, non respirano ossigeno nel modo in cui lo facciamo, ma questo dà a Watson e ai suoi seguaci il diritto di consumare incautamente le piante? Piuttosto che nutrirsi di animali come le api - che non vengono uccisi nel processo di produzione del miele e che aiutano, non feriscono, le piante - Watson ha rifiutato il miele.

Invece, Watson incoraggiò a bollire la squallida prole di grano e tagliuzzare il verde della lattuga e poi mangiarlo. Le piante sono indifese. Non possono correre. Non possono pungere. Suggerire che è più etico consumare le piante invece del miele è farsesco, ingannevole e sbagliato. La maggior parte delle piante sono ancora vive quando entrano nella bocca di un vegano. Per quanto sia disgustoso, è doppiamente avvilente che queste stesse persone facciano presagire uno stile di vita superiore e dicano agli altri di evitare il miele.

Eppure, in gran parte a causa della filosofia di Watson, i vegani rivendicano un alto livello etico. A causa di Watson, il miele è severamente proibito. Riesco a capire l'opposizione a giardini zoologici, fattorie con maiali immagazzinati e polli ingabbiati in piccole penne. Questi sono ovviamente eticamente sbagliati. Ma quando Watson ha scritto le regole, il suo entusiasmo per i diritti di tutte le altre creature viventi (eccetto le piante) ha distanziato il suo buon senso. [Alcuni vegani sembrano venerare Watson come un dio (qualcosa che probabilmente avrebbe divertito il defunto agnostico) quindi mi aspetto di ricevere delle e-mail viziose da queste persone gentili.] Watson non si era preso la briga di capire il modo in cui le api vengono curate per milioni di apicoltori nel cortile.

A proposito di api

abbandonato-nidoA differenza delle piante, le api possono difendersi dagli abusi sfrenati. La maggior parte degli appassionati di apicoltori non ucciderebbero mai una sola ape. Le api sono assolutamente libere di superare i chilometri di fiori selvatici. Le api ritornano ogni notte ai loro alveari, che sono scatole che tengono le api al sicuro, all'asciutto e al caldo. Se non volessero tornare, non lo farebbero. Ma di volta in volta, tornano alle scatole degli apicoltori. Gli apicoltori hanno piazzato sperimentalmente scatole vuote degli apicoltori accanto agli alberi - le api selezionano le scatole come le loro case preferite. Ma le api possono andarsene quando vogliono.

La foto sfocata a sinistra mostra pettini selvaggi, appesi a un albero di betulla. Questo è stato costruito da api che sono morte di esposizione. Ho fatto la foto in Pennsylvania, anni fa. Vorrei averli trovati in tempo per metterli in una scatola di api calda e asciutta, dove sarebbero sopravvissuti e prosperati. Da soli, soggetti a freddo e pioggia, sono morti.

Le api producono migliaia di grammi di miele durante una stagione, ma gli apicoltori ne rimuovono solo una parte in cambio di dare alle api una casa sicura. Gli apicoltori non "prendono tutto il miele delle api" come ho letto su vari siti vegani perché se lo facessero, le api sarebbero morte. Le api morte non sono l'obiettivo dell'apicoltore. (Anche se gli alberi morti sono certamente di un falegname.)

Alcuni siti vegani lamentano che gli apicoltori diano da mangiare zucchero e sciroppo di mais alle api, che i vegani ci dicono giustamente che non sono sani come il miele. Quei denuncianti dovrebbero imparare qualcosa sull'ecologia. Ci sono stagioni in cui le api non riescono a trovare da soli il cibo. Anche nella soleggiata Florida, dove ho lavorato a fianco delle api per circa dieci anni, la carenza si verifica a metà estate quando gli agrumi, il galletto, il palmetto e il peperoncino non fioriscono. Senza un apicoltore amichevole che alimenta le api, le api muoiono. Ora vivo in Canada. Qui, dopo sette mesi di freddo e ghiaccio ogni anno, ad aprile gli alveari spesso mancano di cibo. Senza fiori, le api muoiono. Quindi gli apicoltori li nutrono. Senza apicoltori, non ci sarebbero le api nel Canada occidentale.

Il miele è sano?

ape-in ​​voloI vegani ci dicono che il miele è più salutare dello zucchero o dello sciroppo di mais per le api; eppure affermano anche che il miele non è salutare per le persone. Ricordiamo loro che il miele è in realtà un alimento salutare. Le api raccolgono il nettare dai fiori. Il nettare è saccarosio più fruttosio e glucosio.Le api continuano il lavoro iniziato con i fiori, utilizzando gli enzimi per convertire quasi tutti i disaccaridi (saccarosio) in monosaccaridi più semplici - fruttosio e glucosio. Questi zuccheri più semplici sono molto migliori per le diete delle api e degli esseri umani (e orsi, procioni, tassi e altri mammiferi). Il miele è più sano Forse è lo zucchero più sano che può mangiare. È sicuramente il meno ecologicamente intrusivo.

Se il miele è sano, perché i vegani dicono che non lo è? Bene, fare una tale affermazione infondata (sperano) può ridurre il consumo di miele, che (pensano) libererà le api da miele schiavizzate dagli alveari degli apicoltori. Come abbiamo già visto, le api mellifere sono libere di lasciare gli apicoltori. Sono già stati liberati. Ma senza apicoltori, sarebbero morti miliardi di api - il che, immagino, è un destino più accettabile per alcuni vegani. Quindi, i reclami vegani contro il miele come cibo sono egoistici e infondati.

Eppure, molti (tutti?) Siti web vegani sconsigliano di mangiare il miele. "Anche se il miele fosse il cibo più sano del pianeta, non c'è ancora alcun motivo per un vegano di consumarlo", dice questa voce del sito di veganismo. Sono suggerite alternative. In quelle alternative troviamo il vero tallone d'Achille del veganismo.

In questa pagina troverai le alternative approvate per il miele. Questi includono zucchero di cocco e melassa. Vuoi davvero ferire l'ambiente e uccidere gli animali? Quindi fai ciò che consigliano i vegani e usa lo zucchero e la melassa di cocco. Lo hanno trasformato in una fabbrica di cibo e spedito a metà strada in tutto il mondo per raggiungerti.

Suger: il punto di partenza per la melassa

Zucchero grezzo: il punto di partenza per la melassa

Un vegano vuole che tu mangi le piante, naturalmente. Ma a meno che i vegani non siano incredibilmente ingenui e non abbiano alcun indizio sull'agricoltura (persino sull'agricoltura "biologica"), i vegani perdono il fatto che trilioni di insetti - dai vermi ai coleotteri - muoiono nella produzione dello sciroppo di riso e d'orzo e la barbabietola e lo zucchero di canna che pensano che dovresti mangiare. Gli agricoltori devono strappare il terreno e controllare gli insetti che mangerebbero le loro colture. Scostano topi e lucertole per far posto al bastone e alle barbabietole che finiranno col diventare melassa. La ricerca dello zucchero di cocco ha portato alla deforestazione e alla morte di milioni di animali. So che alcuni sperano / pensano / fingono di comprare cibo prodotto eticamente, ma troppo spesso stanno semplicemente acquistando indulgenze secolari per placare la loro coscienza - stanno ancora ricevendo cibo che ha richiesto la morte di insetti e, a volte, di mammiferi. E questi sostituti sono prodotti dall'altra parte del globo, mentre il miele può essere acquistato localmente, riducendo notevolmente l'impatto ambientale. Solo il miele può essere prodotto senza danneggiare o uccidere animali. Eppure i vegani si rifiutano di concederlo perché andrebbe contro la loro fedeltà tribale ai proclami filosofici di Donald Watson - indipendentemente da quanto errato possa essere stato su alcuni punti.

Nessun pass gratuito

Sono stato vegetariano per oltre un anno ed è stato un anno sano e pieno di energia. Non ero un vegano. Come vegetariano, ho mangiato il miele. Ho usato un po 'di formaggio e latte in alcuni piatti vegetariani. Oggi mangio pesce In un ambiente sociale, potrei mangiare altra carne, ma con parsimonia. Penso che sia intelligente per l'ambiente e salutare per il corpo mangiare una grande varietà di cibi, ma solo un po 'di carne. È sicuramente più salutare per il bestiame. Tuttavia, i vegani zelanti allontanano i potenziali vegetariani. L'ipocrisia vegana è una svolta e probabilmente ha provocato un maggiore contraccolpo contro i diritti degli animali e contro un ragionevole vegetarianismo che ha portato a nuove adesioni nel fan club vegano. Per questo, tengo il taglialegna Don Watson e alcuni dei suoi seguaci responsabili.

Né darò un passaggio gratuito a tutti gli apicoltori ovunque. È vero che alcuni apicoltori - hobbisti e commercianti - non sono così attenti con le api quanto devono essere. Questo è ciò che i vegani ci dicono quando sollevano le loro preoccupazioni. Ma la maggior parte non è spericolata e non ho mai incontrato nessun apicoltore a cui non piacessero le api; vogliono il meglio per il benessere delle api - e ho incontrato centinaia di altri apicoltori più di quanto abbia mai fatto un vegano. Le api da miele prosperano perché gli apicoltori le tengono in vita e in salute. Questo è ciò che vogliono gli apicoltori. Inoltre, gli apicoltori non mangiano le loro api e non ne fabbricano mobili. E questo è più di quanto si possa dire su Don Watson e il suo rapporto con gli alberi.

Condividi questo:

Come questo:

Piace Caricamento in corso...