Telmex

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
Teléfonos de México,
S.A.B. de C.V.
genere
filiale
Industria Telecomunicazioni
Fondato 1947
Quartier generale Città del Messico, Messico
Persone chiave
Carlos Slim (Presidente)
Hector Slim Seade (CEO)
Prodotti Telefono, Internet, dati, servizi in hosting, televisione
Numero di dipendenti
52,346 (2010)[1]
Genitore América Móvil
Sito web www.telmex.com

Telmex è una società di telecomunicazioni messicana con sede a Città del Messico che fornisce prodotti e servizi di telecomunicazione in Messico,[2] Argentina, Cile, Colombia, Brasile (Embratel), Ecuador, Perù, Venezuela e altri paesi dell'America Latina. Telmex è ancora la principale compagnia telefonica fissa in Messico.[3] Oltre al tradizionale servizio telefonico fisso, Telmex offre l'accesso a Internet attraverso il proprio marchio Infinitum di reti Wi-Fi, dati, servizi in hosting e IPTV. Telmex possiede il 90 percento delle linee telefoniche a Città del Messico[4] e l'80% delle linee nel paese.[5] Telmex è una consociata interamente controllata di América Móvil.

Storia

Telmex fu fondata in Messico nel 1947 quando un gruppo di investitori messicani comprò la filiale messicana della svedese Ericsson. Nel 1950, gli stessi investitori acquistarono la filiale messicana della ITT Corporation, diventando così l'unico operatore telefonico del paese. Nel 1972, il governo messicano acquistò la compagnia, trasformandola in un monopolio governativo.

Nel 1990, Telmex è stata acquistata da un gruppo di investitori costituito principalmente da Carlos Slim Helú, France Télécom e Southwestern Bell Corporation, la cui offerta era la più ampia. Tuttavia, controverso, il pagamento stesso ha avuto luogo nel corso dei prossimi anni, utilizzando le entrate del servizio telefonico.

Dopo la privatizzazione, Telmex ha iniziato a investire in nuove infrastrutture moderne, creando una rete in fibra ottica a livello nazionale, offrendo così servizi alla maggior parte del paese.

Nel 1991, il governo messicano ha venduto le sue scorte rimanenti a Telmex.

Sebbene Telmex sia ora una società privata, rimane ancora un quasi monopolio. Ci sono altre compagnie telefoniche in Messico, ma non sono riusciti ad essere concorrenti feroci per Telmex. Tra queste aziende: Alestra (precedentemente AT & T), Axtel, Maxcom, Megacable, Totalplay e filiali controllate da Televisa (Izzi / Cablemás).

Cellulare unità mobile

Un negozio al dettaglio Telmex
Un telefono pubblico a pagamento Telmex
Pubblicità Telmex - JW Marriott Hotel Lima
Vista del Centro Cultural Telmex, situato in Avenida Chapultepec vicino alla stazione della metropolitana Cuauhtemoc a Città del Messico

Negli anni '90 i telefoni cellulari stavano diventando popolari tra la popolazione generale. Il primo leader del mercato era Iusacell e Telmex non aveva alcuna presenza sul mercato. Ciò ha indotto Telmex a costituire una filiale per fornire comunicazioni mobili. La controllata era Radio Móvil Dipsa e offriva servizio sotto il marchio Telcel. Telcel ha iniziato in un lontano secondo posto nel suo mercato mobile, ma nel 1995 tutto è cambiato, quando la crisi valutaria messicana ha colpito duramente molti messicani. Iusacell ha deciso di rimanere con i clienti più ricchi, offrendo piani costosi, mentre Telcel ha iniziato a offrire i primi piani di telefonia mobile prepagati. Sebbene, in effetti, altrettanto costoso dei contratti offerti da Iusacell, il successo dei piani prepagati ha in definitiva fornito a Telcel la crescita necessaria per diventare il leader nel mercato della telefonia mobile entro due anni.

Nel 2000, Telmex ha dismesso la propria unità mobile, creando América Móvil, che controlla Radio Móvil Dipsa ed è stata libera di sviluppare la propria attività come entità indipendente. È iniziato con l'80% del mercato mobile.

Nel 2010, America Móvil (una società indipendente dalla sua ex casa madre, Telmex) ha acquistato il 60% di Telmex, pagando oltre 23 miliardi di dollari. Nel 2011, l'America Móvil ha acquistato il restante 40% di Telmex. Nell'agosto 2012, l'America Móvil ha avviato il processo di de-list di Telmex dalla Borsa messicana.[6][7]

Internet

A metà degli anni '90, Telmex ha iniziato a fornire l'accesso a Internet come fornitore di servizi Internet (ISP) con il marchio Uninet. Un anno dopo, il marchio è stato cambiato in Telmex Internet Directo Personal (Telmex Direct Personal Internet). Nel 1996, Telmex acquistò Prodigy Communications e portò il marchio in Messico, ribattezzando il servizio Prodigy Internet de Telmex. Grazie alla copertura nazionale, Telmex è diventata rapidamente il principale ISP nazionale. A partire dal 2005, Telmex detiene oltre l'80% del mercato come ISP ed è anche leader nell'accesso a banda larga con il suo marchio Prodigy Infinitum (ADSL).[8]

Nel 2001, Telmex ha venduto la divisione USA di Prodigy Communications a SBC, che è stata soprannominata SBC Prodigy. Tuttavia, Telmex continua a possedere e gestire Prodigy in Messico. Nel 2004, Telmex ha affermato che il numero di utenti di Prodigy Internet è cresciuto del 190%.

Telmex ha abbandonato il nome Prodigy dalla sua pubblicità nel 2009, sostituendolo con il marchio "Infinitum" di servizi Internet di Telmex da quell'anno. Il nome Prodigy è ancora usato nel sito locale messicano di MSN.

Televisione

Telmex possiede TV UNO e Claro Sports.

Competizione a lunga distanza

A metà degli anni '90, AT & T Corporation e WorldCom (MCI), tra gli altri, iniziarono a operare in Messico, rappresentando per la prima volta una seria concorrenza a Telmex. Tuttavia, a causa della posizione monopolista incombente di Telmex e di un'infrastruttura e copertura ben sviluppata, nessuno di loro è stato ritenuto in grado di rappresentare una minaccia per Telmex.

Espansione

Dopo lo spin off di América Móvil, Telmex ha avviato un piano di espansione, iniziato con l'acquisto di Telgua in Guatemala. In seguito, Telmex acquistò ex compagnie telefoniche statali in America Centrale e iniziò le operazioni negli Stati Uniti con Telmex USA.

Nel 2004, Telmex ha iniziato una serie di acquisti per operatori sottovalutati in Sud America, compreso l'acquisto di AT & T in America Latina, dando la sua presenza in Colombia, Venezuela, Perù, Paraguay, Cile, Argentina, Brasile e Uruguay, e un aumento della gli Stati Uniti. Nello stesso anno, Telmex acquistò da MCI, il più grande e importante operatore di lunga distanza del Brasile, Embratel, acquisì il Cile Chilesat, prese il controllo della Techtel argentina (che operava in Argentina e Uruguay), di cui possedeva già il 60%, acquistando i restanti 40 % dal gruppo Techint e acquistato il Metrored in Argentina. Negli Stati Uniti, Telmex ha acquistato il 13,4% di MCI in bancarotta.

Allo stesso tempo, la consociata America Movil ha perseguito una strategia simile acquisendo gli operatori di telefonia mobile CTI Movil in Argentina e Uruguay, Claro in Brasile e Perù, Porta in Ecuador e Comcel in Colombia.

Nel 2005, Telmex ha venduto le sue partecipazioni in MCI a Verizon.

A partire da gennaio 2006, Telmex ha continuato ad acquistare attività in America Latina e negli Stati Uniti.

Nel marzo 2006, si diceva che Telmex stava acquistando operazioni Verizon nei Caraibi. I rapporti hanno affermato che l'operazione può includere l'operazione wireless su ciascun mercato. L'importo totale di questa vendita è stato stimato in circa US $ 300 milioni.

Nel novembre 2006, un cavo dell'ambasciata americano rilasciato tramite WikiLeaks elencava Telmex tra i "monopolisti del Messico", con una quota del 95% di telefoni fissi. Il suo concorrente Telcel è stato quotato con una quota di mercato dell'80% del servizio cellulare.[9][10]

Nel dicembre 2006, Telmex ha annunciato l'accordo per l'acquisizione di TV via cavo e via cavo Pacifico in Colombia.TV Cable offre TV via cavo, Internet e servizi Voice over IP ed è in funzione da 20 anni. A partire dal 2013, la società serve 164.000 case a Bogotá e Cali.Cable Pacifico serve nove stati e la sua operazione principale è a Medellín. A partire dal 2013, Cable Pacifico ha circa 100.000 abbonati.

Nel gennaio 2007, America Movil ha acquistato le operazioni di Verizon a Porto Rico, e giorni dopo Telmex e America Movil hanno annunciato che la loro joint venture paritetica aveva concordato con Verizon Communications Inc. ("Verizon") di rescindere l'accordo della joint venture per acquisire indirettamente Verizon partecipazioni in Compañía Anónima Nacional Teléfonos de Venezuela (CANTV); successivamente, tutte le partecipazioni di Verizon in CANTV sono state acquisite nel maggio 2007 dal governo venezuelano, raggiungendo l'86,2% delle sue azioni totali.

Nel gennaio 2007, Telmex ha lanciato Prodigy Media, il primo passo per offrire servizi di triple play al mercato messicano. Giorni dopo, Telmex ha avviato la prima rete Wi-Max in Cile, offrendo servizi locali, di lunga distanza e Internet al 98% della popolazione cilena.

Nel marzo 2007, Telmex ha acquistato Ecutel, una piccola società di telecomunicazioni in Ecuador che offre servizi al mercato aziendale.

Nell'aprile 2007, Telmex ha annunciato l'accordo per l'acquisizione di CABLECENTRO e SATELCARIBE in Colombia.CABLECENTRO offre TV via cavo e servizi di accesso a Internet ed è in funzione da 7 anni. Attualmente, la società opera in oltre 50 città in Colombia, tra cui Bogotà, Cucuta, Bucaramanga, Ibague e Neiva, tra gli altri.SATELCARIBE offre TV via cavo e servizi di accesso a Internet ed è in funzione da 7 anni. Attualmente, la compagnia opera in oltre 15 città in Colombia, tra cui Cartagena, Santa Marta, Valledupar, Sincelejo e Monteria.

Nel dicembre 2007, Telmex ha trasferito le sue attività di directory su pagine latino americane e gialle a una nuova entità separata, Telmex Internacional.

América Móvil subentra

Nel gennaio 2010, América Móvil, la più grande società di telefonia mobile in America Latina, ha fatto un'offerta per acquistare Telmex e Telmex International al fine di competere meglio contro la spagnola Telefonica e la Malesia Telekom Malaysia. L'acquisizione è stata approvata dall'ufficio antitrust della CFC (Comisión Federal de Competencia) in Messico l'11 febbraio 2010.

América Móvil era una volta il braccio mobile di Telmex, ma nel 2001 América Móvil è stata scissa e cresciuta più della precedente società madre.[11]

Riferimenti

  1. ^ Telmex registra entrate, l'utile netto scende nel 2 ° trimestre del 2011. Telegeography.com. Estratto il 2013-07-14.
  2. ^ "Tutte le cose sulla tecnologia". Tutto su gadget. 2014/01/21. Estratto 2014-01-25.
  3. ^ "Informazioni per i leader aziendali del mondo". Forbes.com. Estratto 2014-01-25.
  4. ^ "I 5 magnati tecnologici più influenti del mondo". Rediff.com. Estratto 2010-12-13.
  5. ^ "América Móvil se" empequeñece "para dejar de ser" preponderante "" (in spagnolo). proceso. Estratto 2014-07-12.
  6. ^ https://www.bloomberg.com/news/articles/2011-11-14/america-movil-pays-4-6-billion-to-boost-control-of-telmex-1-
  7. ^ "Copia archiviata". Archiviato dall'originale il 25-09-2015. Estratto 2015-09-24.
  8. ^ [1] Archiviato il 13 novembre 2013, sulla Wayback Machine.
  9. ^ "cavo 06MESSICO6413, CHI SONO I MONOPOLISTI DEL MESSICO?". Wikileaks.
  10. ^ Edward Snowden, en entrevista con The Washington Post. "Enlistan los sectores con privilegios - Wikileaks en La Jornada" (in spagnolo). Wikileaks.jornada.com.mx. Estratto 2014-01-25.
  11. ^ [2]

link esterno

Wikimedia Commons ha media correlati a Telmex.
  • Sito ufficiale
  • Operazioni USA
  • Reddito netto Telmex
  • TV Uno
  • v
  • t
  • e
Gruppo América Móvil
Claro-branded
  • Argentina
  • Brasile (servizi fissi)
  • Brasile (servizi di mobilità)
  • Colombia
  • Chile
  • Repubblica Dominicana
  • Ecuador
  • El Salvador
  • Guatemala
  • Honduras
  • Giamaica
  • Nicaragua
  • Panama
  • Paraguay
  • Perù
  • Porto Rico
  • Uruguay
Telmex-branded
  • Messico
  • Stati Uniti d'America
A1 Telekom Austria Group
  • Austria
  • Bielorussia
  • Bulgaria
  • Croazia
  • Liechtenstein
  • Macedonia
  • Serbia
  • Slovenia
Altri marchi del gruppo AMX
  • Brasile
    • Claro
    • Embratel
    • Netto
  • Messico
    • Telcel
    • Aló
  • Stati Uniti d'America
    • NET10 Wireless
    • Mobile semplice
    • Discorso diretto
    • Telcel America
    • TracFone
Ufficiali esecutivi
  • Carlos Slim
  • v
  • t
  • e
Operatori di rete mobile messicani
Nazionale
  • Telcel (América Móvil)
  • Movistar (Telefónica)
  • AT & T Mexico (AT & T)
MVNOs (virtuale)
  • Unefon (sotto AT & T)
  • weex
  • Lycamobile (imminente)
  • Chedraui (Prossimi)
  • Axtel (Prossimi)
  • Elektra (Prossima)
  • Pepephone (Prossimi)
defunto
  • Movil @ ccess
  • Pegaso PCS
  • Cedetel / Bajacel / Norcel / Movitel (Motorola)
  • Megacel
  • Iusacell
  • Nextel in Messico
  • Tuenti
  • v
  • t
  • e
Principali società di telecomunicazioni
Aziende con un fatturato annuo di oltre 10 miliardi di dollari
  • América Móvil
  • AT & T
  • Bell Canada
  • Bezeq
  • Bharti Airtel
  • Bharat Sanchar Nigam Limited
  • BT Group
  • CenturyLink
  • compagnia telefonica cinese
  • China Telecommunications Corporation
    • China Telecom
  • China Unicom
  • Chunghwa Telecom
  • CK Hutchison
  • Comcast
  • Deutsche Telekom
  • Digicel
  • FLUSSO
  • Idea cellulare
  • jio
  • KDDI
  • KPN
  • KT Corporation
  • Mahanagar Telephone Nigam
  • MTN
  • MTS
  • Nippon
  • NTT DoCoMo
  • Oi
  • Orange S.A.
  • PCCW
  • dipendenza
  • Rogers
  • Shaw
  • Singtel
  • SK Telecom
  • SoftBank Mobile
  • Scintilla
  • Sprint Corporation
  • Swisscom
  • Tata Teleservices
  • Telecom Italia
  • Telefónica
  • Telenor
  • Telus
  • Telmex
  • Telstra
  • TPG
  • Trilogy International Partners
  • Vero
  • Türk Telekom
  • VEON
  • Verizon
  • Viettel
  • Vivendi
  • Vodafone
Guarda anche
Le più grandi aziende IT
Elenco degli operatori di rete mobile
Elenco delle società operative telefoniche
Categoria: società di telecomunicazioni
Estratto da "https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Telmex&oldid=851941716"

Telmex

Naar navigatie springen Salta alla ricerca
Teléfonos de México S.A.B. de C.V
Winkel van Telmex
Oprichting 1947
Sleutelfiguren Carlos Slim (voorzitter en CEO)
Hoofdkantoor Messico-Stad
Prodotti telecomunicazione, internet
Omzet US $ 16,0 miljard (2006)
winst S $ 2,6 miljard (2006)
Sito web telmex.com
Portaal Economie

Teléfonos de México, beter bekend als Telmex, è il più grande centro di telecomunicazione del Messico.

Telmex era in ritardo, ma non è stato così facile da usare in termini di infrastruttura ge nvesteerd werd. Op l'ultimo furgone Carlos Salinas nel 1990 geprivatiseerd. Telmex werd opgekocht door een groep investeerder onder leiding van Carlos Slim. Daar het bedrijf niet gesplitst werd is het monopolie behouden gebleven, waardoor de prijzen sindsdien fors zijn verhoogd. Ho guadagnato un anno fa, concedenten zijn, è il caso in cui mi trovo a casa in città e in Italia, in Italia, in Messico, in tutto il mondo, in tutto e per tutto.

De mobiele telefonieketen América Móvil è eigendom van Telmex, in tutto e per tutto, ha telefonato in internet e si è fermato a Latijns-Amerika. Voorzitter en CEO van Telmex è de Mexicaan Carlos Slim, welke meerdere malen als rijkste man ter wereld te boek heeft gestaan. Anno 2015 vervult Bill Gates deze positie weer.


Zie de categorie Telmex Wikimedia Commons per mediabestanden over dit onderwerp.
Overgenomen van "https://nl.wikipedia.org/w/index.php?title=Telmex&oldid=51611734"